Bitcoin’s Enemy will leave the presidency of the American CVM at the end of the year

During Jay Clayton’s oppressive tenure, we saw the greatest exaggeration on the part of a bureaucratic body that often ignored the courts to act as legislator in shaping and enforcing policies in a very new space outside the usual SEC jurisdiction.

Jay Clayton, chairman of the U.S. Securities and Exchange Commission (SEC), is finally expected to step down at the end of the year, according to an SEC statement.

Elected in 2017, Clayton led a crusade against cryptomites by denying a last-minute ETF Bitcoin Evolution in what was an SEC crackdown against the market.

During his three and a half years as SEC President, he intimidated several cryptomotic projects, opening numerous investigations and threatening lawsuits costing hundreds of millions for an innovative industry.

In the process, he delayed innovation, forcing them to leave the United States and go to Europe, which is now proposing a legal framework for tokenized actions.

Clayton’s „CVM“ told entrepreneurs: „We will not innovate for you“ during a draconian period in which $ 1 billion was taken by the SEC in fines, 5 times more than its entire annual budget of $ 250 million.

Some for irregularities, but most of them were directed at honest entrepreneurs trying to tokenize and modernize legitimate things.

SEC prevented progress and innovation in the U.S.

During Jay Clayton’s oppressive term, we saw the greatest exaggeration on the part of an unelected bureaucratic body that often ignored the courts to act as legislator in shaping and enforcing policy in a very new space outside the usual SEC jurisdiction.

Elon Musk, an example to many, was almost arrested for what he called the Shortsellers Enrichment Commission.

Despite the necessary reforms in centuries-old laws, the SEC told the world that no change was necessary, that the law was fine as it was written in 1933, during the Great Depression, when there were no cars, much less the Internet or blockchain.

Even after Congress demanded reports from the SEC on the necessary reforms, the commission hesitated and did not produce or present anything until now.

This sclerosed agency salutes the wrath of the millennium generation mainly because of Jay Clayton’s oppressive leadership in doing all it could to impede innovation in the United States.

The SEC is too big to respond to changing times, too big to meet the needs of startups, small businesses and giant corporations at the same time, too powerful to take care of freedoms or the need to balance risk taking in the free market, and is in absolutely desperate need of reform, as the IPO numbers attest.

„I would like to thank President Trump for the opportunity, the support and the freedom to lead the women and men of the SEC,“ said Clayton.

Trump was defeated in part because of the terrible work this former banker did while running one of the most powerful economic institutions in the United States and the world.

Power he gave up without the public’s responsibility to encourage and facilitate innovation and capital formation, instead of greedily raising billions even of popular food applications as corrupt bureaucrats.

One less Bitcoin enemy of the world.

L’analisi macro prevede che Bitcoin abbia iniziato il rally verso i 100.000 dollari

La Bitcoin ha iniziato a radunarsi massicciamente nelle ultime settimane.

La BTC attualmente commercia a massimi pluriennali vicino ai 16.000 dollari e sta segnalando che vuole rompere ancora più in alto.
Secondo una macro analisi del trader cripto-asset Josh Rager, BTC è sull’orlo di una tendenza al rialzo esponenziale.
Rager ha osservato che ogni volta che Bitcoin Billionaire ha chiuso al di sopra del precedente massimo mensile di tutti i tempi, si è verificato un rialzo del 700-1.000 percento.
Bitcoin dovrà chiudere la candela mensile di novembre sopra i 14.000 dollari per stampare questo stesso segnale.

Bitcoin avvia un Macro Rally, mostra l’analisi

La Bitcoin ha iniziato a correre in maniera massiccia nelle ultime settimane, guadagnando il 50% nell’arco di un mese. La Bitcoin attualmente commercia ai massimi pluriennali vicino ai 16.000 dollari e sta segnalando che vuole rompere ancora più in alto.

Secondo una macro analisi del trader cripto-asset Josh Rager, Bitcoin è sull’orlo di una tendenza al rialzo esponenziale.

Il trader ha condiviso il grafico sottostante, notando che ogni volta che „Bitcoin ha chiuso al di sopra del precedente massimo mensile di tutti i tempi“, è seguito un rialzo del 700-1.000 per cento. Il Bitcoin lo farà probabilmente ancora una volta se novembre chiuderà sopra i 14.000 dollari.

Quello che potrebbe seguire è un’impennata verso i 100.000 dollari, o potenzialmente anche più alto:

„Ogni volta che il Bitcoin ha chiuso al di sopra del precedente massimo mensile di tutti i tempi – ha seguito una tendenza al rialzo dal 700% al 1000%. Novembre potrebbe essere la prima chiusura mensile che vediamo rompere il precedente massimo mensile e storicamente questo è stato un segnale molto rialzista per il mercato dei crittografi“.

Non l’unico che la pensa così

Non è l’unico a pensare che Bitcoin possa raggiungere i 100.000 dollari e oltre negli anni a venire.

I gemelli Winklevoss, co-fondatori di Gemini, hanno recentemente dichiarato che la Bitcoin potrebbe raggiungere i 500.000 dollari negli anni a venire perché ha il potenziale di superare l’oro:

„L’inflazione sta arrivando. Il denaro depositato in una banca verrà investito. Il denaro investito in beni come gli immobili o il mercato azionario terrà il passo. Il denaro depositato in oro o in BTC supererà il flagello. E il denaro depositato in BTC sarà il più veloce, superando l’oro… Tuttavia, crediamo che BTC continuerà a cannibalizzare l’oro e che questa storia si svolgerà in modo drammatico nel prossimo decennio. Il tasso di adozione della tecnologia sta crescendo esponenzialmente. Il software sta mangiando il mondo e l’oro è sul menu“.

Anche Raoul Pal, CEO di Real Vision ed ex manager di hedge fund, ha recentemente dichiarato che Bitcoin potrebbe raggiungere i 1.000.000 di dollari in questo ciclo di mercato.

Egli ritiene che l’investimento istituzionale nella criptovaluta guiderà questo rally. Pal ha recentemente dichiarato di avere oltre il 60% del suo patrimonio netto in Bitcoin o Ethereum, citando la sua convinzione che il mercato della crittovaluta potrebbe essere il migliore scambio della sua vita. Ha aggiunto che non sarebbe sorpreso di vedere la sua allocazione personale in Bitcoin aumentare verso l’80% o anche di più in questo ciclo di mercato.

Le 5 valute più importanti da guardare questa settimana

Le 5 valute più importanti da guardare questa settimana: BTC, BNB, ADA, BCH, LINK

Bitcoin sembra forte e gli indicatori indicano una possibile rottura sopra i 14.000 dollari, mentre altcoins potrebbe sottoperformare a breve termine.

La Bitcoin (BTC) ha raggiunto circa il 90% rispetto ai valori minimi di marzo ed è cresciuta di quasi il 191%. L’aumento è stato graduale senza troppe fanfare, il che suggerisce che i credenti cripto sono quelli che hanno comprato nel 2020.

La chiusura mensile di ottobre a 13.798,99 dollari è la più alta di sempre, superando la chiusura di dicembre 2017 a 13.789,68 dollari. La forte performance di Bitcoin Up può ora attrarre i giocatori di slancio e gli speculatori che cercano di trarre vantaggio dalla forza.

Se ciò dovesse accadere, allora la Bitcoin potrebbe prendere slancio e sorprendere gli investitori. Questo potrebbe portare i trader a vendere i loro altcoin per investire in Bitcoin. Quindi, l’altseason sembra essere finita nel breve termine.

Tre delle prime cinque valute crittografiche analizzate oggi potrebbero offrire un’opportunità di trading al rialzo, mentre le altre due potrebbero continuare a diminuire ulteriormente. Osserviamo i livelli critici che possono indicare l’inizio di un movimento di tendenza.

BTC/USD

Bitcoin ha superato i 13.973,50 dollari di resistenza in testa e ha raggiunto un massimo intraday di 14.101,91 dollari il 31 ottobre. Anche se i tori non sono riusciti a sostenere il prezzo al di sopra della resistenza, non hanno ceduto molto terreno al rovescio della medaglia.

Questo suggerisce che i trader non stanno chiudendo le loro posizioni in fretta perché si aspettano un altro tentativo da parte dei tori di spingere il prezzo al di sopra della resistenza.

Sia la media mobile esponenziale a 10 giorni ($13.309) che la media mobile semplice a 50 giorni ($11.505) sono in pendenza e l’indice di forza relativa è in territorio di ipercomprato. Questo suggerisce che i tori sono al comando.

Se la coppia BTC/USD chiude sopra i $14.000, potrebbe iniziare la prossima tappa della tendenza al rialzo che potrebbe raggiungere i $16.500.

Tuttavia, se i tori non riescono di nuovo a sostenere il prezzo sopra i $14.000, allora i trader a breve termine possono scaricare le loro posizioni e gli orsi potrebbero avviare posizioni corte. Una pausa al di sotto dei 10 giorni EMA sarà il primo segno che lo slancio si è indebolito.

È probabile che gli orsi prendano il sopravvento se la coppia scende e sostiene al di sotto del supporto critico a $12.460.

La coppia sta attualmente tentando di tenere al di sopra del 10-EMA. Se questo accade e i tori riescono a spingere il prezzo al di sopra della zona di resistenza di 13.973,50$-14.101,92$, è probabile che si verifichi una nuova tendenza al rialzo.

Tuttavia, la divergenza ribassista sulla RSI suggerisce che la spinta al rialzo si sta indebolendo. Se i venditori possono affondare la coppia al di sotto del 10-EMA, un calo al 50-SMA e poi a $13.000 sarà sulle carte. Il forte sostegno nella zona da 12.750 a 13.000 dollari potrebbe attirare gli acquirenti.

BNB/USD

Binance Coin (BNB) è sceso al di sotto del supporto di 28,50 dollari il 30 ottobre, ma è riuscito a rimbalzare dai minimi intragiornalieri e a chiudere sopra i 28,50 dollari. Tuttavia, il modello di candela doji del 31 ottobre ha suggerito un’indecisione tra i tori e gli orsi.

Gli orsi stanno attualmente cercando di risolvere l’indecisione al rovescio della medaglia e di prendere il sopravvento. Se la coppia BNB/USD si rompe e chiude al di sotto dei 27,50 dollari, aumenterà la possibilità di un calo a 24,86 dollari.

Il calo dell’EMA a 10 giorni ($29,47) e l’RSI nella zona negativa suggerisce che il percorso di minor resistenza è verso il lato negativo.

Contrariamente a questa ipotesi, se il prezzo inverte la direzione e sale sopra i 28,50 dollari, allora suggerirà qualche giorno in più di consolidamento.

Il grafico a 4 ore mostra che il recupero da 27,5111 dollari sta affrontando una resistenza rigida al 10-EMA. Una rottura al di sotto dei 28 dollari potrebbe sfidare il supporto di 27,50 dollari, che se rotta, la prossima fermata potrebbe essere di 26,50 dollari.

Entrambe le medie mobili sono in discesa e l’RSI è vicino alla zona di ipervenduto, suggerendo un vantaggio per gli orsi.

Questa vista sarà invalidata se la coppia si gira e sale al di sopra dei $29. Tale movimento suggerirà un accumulo a livelli più bassi e aumenterà la possibilità di un aumento a $30.50.

ADA/USD

Il Cardano (ADA) si è rotto sotto il motivo ribassista del cuneo ascendente il 26 ottobre e si è immerso nel supporto da 0,0891 dollari. I tori stanno attualmente cercando di difendere il supporto e di spingere il prezzo al di sopra delle medie mobili.

Tuttavia, l’EMA a 10 giorni (0,988 dollari) e l’RSI inferiore a 43 suggeriscono che gli orsi hanno il controllo. Pertanto, il rimbalzo è probabile che affronti una rigida resistenza alle medie mobili.

Se la coppia ADA/USD si abbassa da questa resistenza, gli orsi cercheranno di nuovo di rompere il supporto di 0,0891 dollari. Una tale mossa aprirà i cancelli per un declino al supporto successivo a 0,0755 dollari.

Questa visione ad orso sarà invalidata se i tori possono spingere e sostenere il prezzo al di sopra delle medie mobili. Una tale mossa potrebbe portare ad un rally a 0,11 dollari.